Giurisprudenza

La Consulta sul gratuito patrocinio

Redazione
corte costituzionale

La Consulta, con sentenza n. 35/19, depositata il 6 marzo, ha affermato che l’esclusione dal gratuito patrocinio dell’ente di volontariato che svolge attività economica non è incostituzionale.

La questione. La sentenza della Corte Costituzionale trae origine dalle questioni di legittimità costituzionale dell’art. 119 d.P.R. n. 115/2002 sollevate dal T.A.R. Marche nella parte in cui non consente l’accesso al gratuito patrocinio ad un ente di volontariato solo in quanto soggetto esercente un’attività economica.
Sul tema, la Consulta ha più volte sottolineato che la disciplina legislativa del patrocinio a spese dello Stato per i non abbienti risulta assoggettata ad un regime differenziato a seconda del tipo di controversie cui il beneficio sia applicabile. Pertanto, non può reputarsi incostituzionale la scelta legislativa in base alla quale, in controversie civili, amministrative, contabili o tributarie, è esclusa l’ammissione al beneficio del patrocinio a spese dello Stato di enti o associazioni che svolgono una attività economica.

La questione è stata ampiamente approfondita in un contributo a firma dell’Avv. Giuseppe Marino, pubblicato sul quotidiano di informazione giuridica Diritto e Giustizia di Giuffrè Francis Lefebvre.

News Correlate

News
Professione forense

La Corte Costituzionale e la notifica telematica oltre le ore 21

Redazione

La Consulta ha affermato l’illegittimità dell’art. 16-septies d.l. n. 179/2012 ove prevede che se la ricevuta di accettazione della notifica telematica è generata dopo le ore 21, il perfezionamento per il notificante avviene alle ore 7 del giorno successivo.

News
Professione forense

Stage per neolaureati: la Corte Costituzionale apre le porte

Redazione

Da inizio ottobre 2019, i laureati in giurisprudenza o in altri indirizzi equipollenti di vecchio e nuovo ordinamento potranno intraprendere uno stage presso gli Uffici della Corte Costituzionale.