Professione forense

Avvocatura: la richiesta di collaborazione degli Ordini a Governo e Ministeri

Redazione
avvocatura

Con una lettera inviata il 23 marzo scorso, gli Ordini degli Avvocati di Milano, Roma, Napoli e Palermo chiedono collaborazione istituzionale al Governo e ai Ministeri dell’Economia, della Giustizia e del Lavoro per il sostegno dell’Avvocatura durante il periodo di emergenza sanitaria in corso.

Di seguito alcune delle misure richieste:

  • accelerazione dei pagamenti delle fatture relative ai compensi professionali spettanti ai difensori delle parti ammesse al patrocinio a spese dello Stato e ai difensori di imputati irreperibili o insolvibili, con la possibilità per il difensore di compensare gli importi vantati con i contributi dovuti alla Cassa e con diritto di quest’ultima a recuperare detti importi detraendoli dalle imposte dovute;
  • implementazione del fondo per il reddito di ultima istanza di cui all’art. 44 d.l. n. 18/2020 a sostegno dei professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria;
  • estensione della moratoria sui finanziamenti di cui all’art. 56 d.l. 18/2020 per le PMI;
  • previsione di un meccanismo di recupero fiscale per il periodo di contrazione dell’attività non svolta a valere sui redditi 2020 (dichiarazione 2021);
  • eliminazione per l’anno corrente del pagamento IRAP;
  • fruizione di un importo fisso a titolo di indennità da parte degli avvocati in condizioni di fragilità per tutta la durata dei provvedimenti emergenziali in atto;
  • misure di carattere assistenziale a sostegno della genitorialità ed degli avvocati chiamati ad assistere i familiari colpiti dall’emergenza sanitaria;
  • riduzione dell’aliquota fiscale sugli investimenti a carico di Cassa Forense (26%), portandola al 20% per almeno 2 anni come per i fondi pensione;
  • defiscalizzazione dei contributi per gli interventi assistenziali di Cassa Forense.

News Correlate

News
Deontologia forense

Avvocati: il CNF sull’accaparramento della clientela

Redazione

Con sentenza n. 148/19, il Consiglio Nazionale Forense si è pronunciato in tema di accaparramento della clientela attraverso l’offerta di prestazioni professionali gratuite o ad un costo simbolico.