Previdenza forense

Cassa Forense, il bando per l’assegnazione di contributi per il rimborso dei costi dell’attività legale

Redazione
avvocato

Nell'ambito delle prestazioni a sostegno della professione previste nel regolamento per l’erogazione dell’assistenza e tenuto conto situazione di emergenza sanitaria da Covid-19, Cassa Forense ha indetto un bando straordinario per l’assegnazione di contributi forfetari per rimborso costi per l’attività legale.
Il bando prevede uno stanziamento di € 2.500.000,00 ed il contributo è pari al 15% della differenza fra il volume di affari IVA e il reddito IRPEF dichiarati col Mod. 5/2019, restano esclusi i contributi di importo inferiore ad € 300,00 o superiore ad € 1.200,00.
L’erogazione è prevista in favore degli iscritti alla Cassa anteriormente al 1° gennaio 2020 e fino a esaurimento dell’importo complessivo previsto dal bando, secondo una graduatoria inversamente proporzionale all’ammontare del reddito netto professionale dell’anno 2018.
Restano esclusi dal bando i beneficiari del reddito di ultima istanza, di cui all’art. 44 d.l. n. 18/2020, per il mese di marzo e di aprile 2020, e coloro che risultano inseriti utilmente nella graduatoria dei bandi straordinari nn. 1, 2 e 3 del 2020.
La domanda di partecipazione al bando potrà essere presentata fino alle ore 24,00 del 23 luglio 2020.

News Correlate

News
Professione forense

CNF: pubblicata la scheda di analisi sulla l. n. 70/2020

Redazione

L’ufficio studi del CNF ha pubblicato la scheda di analisi della legge n. 70 del 25 giugno 2020 recante misure in tema di intercettazioni, ordinamento penitenziario, giustizia civile, amministrativa, contabile e per l'introduzione del sistema di allerta Covid-19.

News
Professione forense

La necessità di modernizzare la giustizia secondo il CNF

Redazione

«La riproposizione dei temi afferenti ai progetti di riforma del processo civile e penale non può non considerare aspetti e problematiche emersi in tutta evidenza in occasione dell’emergenza sanitaria, i cui effetti ancora incidono sulla tutela inadeguata dei diritti e della giustizia».