Professione forense

CGUE: e-Curia diventa lo strumento esclusivo di trasmissione degli atti giudiziari

Redazione

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea, tramite il Comunicato Stampa n. 157/2018 e attraverso un video pubblicato sul proprio canale YouTube, ha informato che, dal 1° dicembre 2018, l’applicazione informatica e-Curia diverrà lo strumento esclusivo di scambio telematico di documenti giudiziari tra rappresentanti delle parti e il Tribunale europeo.

e-Curia. L’applicativo informatico, comune alla Corte di Giustizia e al Tribunale europeo, consente il deposito e la notifica telematica di atti di procedura. Essa realizza uno scambio immediato di documenti, garantendo una maggiore efficienza nella gestione delle cause e la smaterializzazione dei procedimenti.

A chi è rivolta. Essa riguarda tutte le parti (ricorrenti, convenuti e intervenienti) e tutti i tipi di procedimenti, tra cui quelli di urgenza. Rappresentano un’eccezione i casi in cui l’utilizzo dell’applicazione risulti tecnicamente impossibile o quando un richiedente non rappresentato da un avvocato faccia domanda di gratuito patrocinio.

Modalità di profilazione. In vista dell’entrata in vigore di tale mutamento tecnologico, gli avvocati e gli agenti che ancora non dispongono di un profilo di accesso a e-Curia sono invitati a chiederne la creazione attraverso un modulo di richiesta di accesso.
Tutte le informazioni sono disponibili nel sito della Corte di Giustizia dell’Unione europea (http://curia.europa.eu/jcms/jcms/P_78957).

Indicazioni per l’utilizzo. Sul proprio sito, la CGUE ha indicato le modalità di utilizzo della piattaforma.

News Correlate

News
Processo Penale

Tribunale di Firenze, ordine di chiamata dei processi penali

Redazione

Il Tribunale di Firenze fa sapere di aver concordato, con l’Ordine degli Avvocati e la Camera Penale, le modalità con le quali scaglionare in fasce orarie i processi penali dibattimentali nelle udienze di smistamento.

News
Professione forense

COA Milano: nuove disposizioni in tema di gratuito patrocinio

Redazione

Il COA di Milano avvisa gli iscritti che, a partire da giugno 2019, la delibera di ammissione al patrocinio a spese dello Stato non sarà più accompagnata dal nominativo dell’avvocato, senza alcuna modifica alla procedura di istanza.