Professione forense

CNF: nuove misure organizzative per la trattazione degli affari giudiziari nel periodo giugno-luglio 2020

Redazione
martelletto

Con decreto 28 maggio 2020, n. 4, il CNF ha disposto nuove misure organizzative vincolanti per la trattazione degli affari giudiziari per il periodo giugno e luglio 2020, che consentano di esercitare la funzione giurisdizionale senza porre in pericolo la salute degli operatori.

In particolare, il Consiglio ha previsto che nei mesi di giugno e luglio 2020 verrà celebrato un numero di udienze compatibile con il rispetto della normativa primaria e secondaria volta alla riduzione e al contenimento dell’emergenza sanitaria da Covid-19.
Nella formazione dei ruoli, verrà data precedenza ai procedimenti relativi a misure cautelari o comunque che presentino profili d’urgenza, ai procedimenti in materia di iscrizioni in albi, elenchi e registri e ai procedimenti provenienti da rinvio.
Il deposito di memorie e atti difensivi dovrà avvenire esclusivamente mediante invio a mezzo PEC, così come per le comunicazioni di segreteria e lo scambio di atti difensivi tra le parti.
Il Consiglio Nazionale Forense si riserva poi la possibilità di adottare in ogni momento misure differenti anche in base alle eventuali modifiche della normativa primaria e secondaria.

 

Clicca qui per consultare la sezione dedicata al decreto Coronavirus

News Correlate

News
Professione forense

CNF: pubblicata la scheda di analisi sulla l. n. 70/2020

Redazione

L’ufficio studi del CNF ha pubblicato la scheda di analisi della legge n. 70 del 25 giugno 2020 recante misure in tema di intercettazioni, ordinamento penitenziario, giustizia civile, amministrativa, contabile e per l'introduzione del sistema di allerta Covid-19.

News
Professione forense

La necessità di modernizzare la giustizia secondo il CNF

Redazione

«La riproposizione dei temi afferenti ai progetti di riforma del processo civile e penale non può non considerare aspetti e problematiche emersi in tutta evidenza in occasione dell’emergenza sanitaria, i cui effetti ancora incidono sulla tutela inadeguata dei diritti e della giustizia».