Professione forense

Concordato preventivo: il credito dell’avvocato è prededucibile

Redazione

L’avvocato che assiste il debitore nella procedura di concordato preventivo non è tenuto a vagliare la completezza, la correttezza logica e l’affidabilità della relazione di attestazione che accompagna la domanda di concordato. A stabilirlo è stato il Tribunale di Milano occupandosi del caso di un avvocato che aveva assistito il debitore nella presentazione di una domanda di concordato con riserva, e, successivamente, nella procedura ordinaria di concordato preventivo non pervenuta ad esito favorevole, chiedeva di essere ammesso al passivo del fallimento, per il credito maturato per le sue prestazioni.

Una chiara posizione, dunque, quella che il Tribunale di Milano ha preso e che è stata analizzata con precisione dall'avv. Carlo Trentini sul portale tematico di Giuffrè Francis Lefebvre, ilfammilentarista.it

News Correlate

News
Professione forense

Codice della crisi e dell'insolvenza: il decreto è in G.U.

Redazione

Pubblicato sulla G.U. n. 38/2019 il nuovo codice della crisi d’impresa che contiene la riforma delle procedure concorsuali prevista dalla legge fallimentare vigente e della disciplina del sovraindebitamento.