Giurisprudenza

Corte Costituzionale, illegittima l’applicazione retroattiva della “Spazzacorrotti”

Redazione
consulta

La Consulta ha depositato le attese motivazioni sulla dichiarata incostituzionale delle norme della legge n. 3/2019 che, in assenza di una disciplina di diritto intertemporale, stava portando, alla luce del diritto vivente (ribaltato dall’odierna pronuncia) all’applicazione retroattiva delle norme dell’inizio della fase esecutiva sulla mancata sospensione dell’ordine di carcerazione in caso di condanna per delitti contro la pubblica amministrazione (art. 656, comma 9, lett. a, c.p.p.) in quanto inseriti nei delitti di prima fascia del 4-bis dell’ordinamento penitenziario, che ha visto per l’appunto la sua implementazione da parte della “spazzacorrotti” a tutte le fattispecie incriminatrici cucite addosso alla figura del “corrotto”, che si aggiunge a quelle del “mafioso” e del “terrorista”.

Per conoscere i dettagli della pronuncia della Corte Costituzionale, sul quotidiano di informazione giuridica dirittoegiustizia.it è stato pubblicato un contributo a firma dell’Avv. Carmelo Minnella.

News Correlate

News
Professione forense

La Corte Costituzionale riapre le aule a giudici, avvocati e pubblico

Redazione

A partire dal prossimo 7 luglio, le udienze pubbliche davanti alla Corte Costituzionale torneranno ad essere celebrate con la presenza fisica di giudici, avvocati e pubblico. Inoltre, già dal 1° luglio sarà possibile depositare gli atti relativi al processo secondo le ordinarie modalità.

News
Professione forense

La Consulta annuncia il proseguimento dei lavori anche da remoto

Redazione

La Corte Costituzione ha adottato ulteriori misure per lo svolgimento dei giudizi durante l’emergenza epidemiologica da COVID-19. Tra queste vi è la possibilità di procedere alla deliberazione delle questioni fissate nelle camere di consiglio in collegamento da remoto.