Previdenza forense

Dall’Agenzia delle Entrate le causali per il versamento dei contributi a Cassa Forense

Redazione
avv donna

A seguito della convenzione stipulata il 26 novembre 2020 tra l’Agenzia delle Entrate e Cassa Forense, in relazione alla regolamentazione del servizio di riscossione mediante modello F24 dei contributi previdenziali e assistenziali dovuti dagli iscritti alla Cassa, con risoluzione n. 1/2021 l’Agenzia delle Entrate ha istituito le seguenti causali:

  • “E100” – “CASSA FORENSE – contributo soggettivo minimo”;
  • “E101” – “CASSA FORENSE – contributo di maternità”;
  • “E102” – “CASSA FORENSE – contributo soggettivo autoliquidazione (Mod. 5)”;
  • “E103” – “CASSA FORENSE – contributo integrativo autoliquidazione (Mod. 5)”.

Tali causali si trovano nella sezione “Altri enti previdenziali e assicurativi” e andranno indicate nel campo “causale contributo”, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a debito versati”, riportando i seguenti parametri:

  • “codice ente”: 0013;
  • “codice sede”: nessun valore;
  • “codice posizione”: nessun valore;
  • “periodo di riferimento: da mm/aaaa a mm/aaaa”: mese e anno di competenza del contributo.

Infine, l’Agenzia delle Entrate precisa che le suddette causali saranno pienamente efficaci a partire dal 25 gennaio 2021.

News Correlate

News
Previdenza forense

Cassa Forense: ulteriore proroga per gli adempimenti previdenziali

Redazione

A causa del perdurare dell’emergenza epidemiologica, Cassa Forense ha disposto un’ulteriore proroga degli adempimenti previdenziali precedentemente sospesi, individuando quale termine unico il 31 marzo 2021. Non sono prorogati, invece, i termini di scadenza per i contributi minimi 2020.