Giurisprudenza

È giusto premiare il detenuto che collabora, è inammissibile punirlo se non lo fa

Redazione

La Corte Costituzionale, con sentenza n. 253/19, ha affermato che il detenuto per il reato di associazione mafiosa o di contesto mafioso può essere “premiato” se collabora con la giustizia, ma non “punito” ulteriormente se non collabora. In tal caso «la presunzione di pericolosità resta ma non in modo assoluto perché può essere superata se il magistrato di sorveglianza ha acquisito elementi tali da escludere che il detenuto abbia ancora collegamenti con l’associazione criminale o che vi sia il pericolo del ripristino di questi rapporti». Tale presunzione può essere vinta «soltanto qualora vi siano elementi capaci di dimostrare il venir meno del vincolo imposto dal sodalizio criminale».
È, dunque, costituzionalmente illegittimo l’art. 4-bis, comma 1, ord. pen. laddove non contempla che il giudice, nelle indicate condizioni, possa concedere al detenuto il permesso premio. Tale incostituzionalità deriva proprio dal contrasto con i principi di ragionevolezza e di funzione rieducativa della pena, di cui agli artt. 3 e 27 Cost. ed è stata estesa a tutti i reati compresi nel suddetto art. 4-bis, comma 1, ord. pen., oltre a quelli di associazione mafiosa e di contesto mafioso, puniti anche con pena diversa dall’ergastolo.
Infatti, non è la presunzione in sé ad essere in contrasto con la Costituzione ma la sua “assolutezza”.

News Correlate

News
Professione forense

La Corte Costituzionale riapre le aule a giudici, avvocati e pubblico

Redazione

A partire dal prossimo 7 luglio, le udienze pubbliche davanti alla Corte Costituzionale torneranno ad essere celebrate con la presenza fisica di giudici, avvocati e pubblico. Inoltre, già dal 1° luglio sarà possibile depositare gli atti relativi al processo secondo le ordinarie modalità.

News
Professione forense

La Consulta annuncia il proseguimento dei lavori anche da remoto

Redazione

La Corte Costituzione ha adottato ulteriori misure per lo svolgimento dei giudizi durante l’emergenza epidemiologica da COVID-19. Tra queste vi è la possibilità di procedere alla deliberazione delle questioni fissate nelle camere di consiglio in collegamento da remoto.