Legislazione

In Gazzetta Ufficiale le regole definitive per l’attuazione del PAT

Redazione
avvocato digitale

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale dell’11 gennaio 2021, n. 7 il decreto recante le regole tecnico-operative per l’attuazione del processo amministrativo telematico davanti a TAR e Consiglio di Stato, nonché per la sperimentazione e la graduale applicazione dei relativi aggiornamenti e delle relative specifiche tecniche.

In particolare, il decreto prevede che nei casi in cui si deve procedere alla discussione orale, le udienze sia pubbliche sia camerali si svolgeranno mediante collegamenti da remoto in videoconferenza mediante la piattaforma in uso presso la Giustizia amministrativa.
Allo svolgimento da remoto si provvede con i collegamenti mediante inviti a videoconferenze differenti rispetto a quelli utilizzati per le convocazioni delle udienze, o tramite call conference. Qualora l’istanza non sia proposta da tutte le parti costituite, la segreteria trasmette alle parti diverse dall’istante l’avviso di avvenuto deposito dell’istanza.
Nei casi in cui viene disposta la discussione da remoto, la segreteria comunica agli avvocati, almeno un giorno libero prima della trattazione, l’avviso del giorno e dell’ora del collegamento insieme al link ipertestuale per la partecipazione all’udienza.
Restano vietati la registrazione, con ogni strumento da parte di chiunque, delle udienze sia pubbliche che camerali, nonché della Camera di consiglio da remoto tenuta dai soli magistrati e l’uso della messaggistica istantanea interna agli applicativi utilizzati per la videoconferenza.

Le nuove regole tecnico-operative sostituiscono quelle previste dal decreto del Presidente del Consiglio di Stato del 22 maggio 2020, n. 134, pubblicato in G.U. del 27 maggio 2020, n. 135 e si applicano a decorrere dal 16 gennaio 2021.

News Correlate

News
Professione forense

COVID-19: vaccinazione prioritaria per gli avvocati?

Redazione

Il Presidente di Cassa Forense ha fatto presente i numerosi disagi che il COVID-19 ha provocato alla categoria professionale degli avvocati, chiedendo, di conseguenza, al Governo l’inclusione di questi ultimi nell’elenco dei lavoratori vulnerabili a cui somministrare il vaccino in via prioritaria