Deontologia forense

Il CNF sull’obbligo di fatturazione dei compensi percepiti

Redazione
soldi avvocato

Il caso. Nell’ambito di un ricorso proposto dagli avvocati, ritenuti responsabili dal COA per non aver fornito regolare rendiconto della gestione della somma ricevuta dal cliente e per non aver emesso regolare fattura per gli importi incassati a titolo di rimborso spese legali, il CNF ha ribadito l’obbligo del professionista di fatturare i compensi percepiti.

Fatturazione compensi. In particolare, il Consiglio Nazionale Forense ha affermato che «l’avvocato ha l’obbligo, sanzionato dagli artt. 16 e 29 cod. deon., di emettere fattura tempestivamente e contestualmente alla riscossione dei compensi, restando irrilevante l’eventuale ritardo nell’adempimento in parola, non preso in considerazione né dal codice deontologico forense, né dalla legge statale (d.P.R. n. 633/1972)».

News Correlate

News
Professione forense

Equo compenso: il nucleo centrale di monitoraggio fa il punto della situazione

Redazione

Si è riunito ieri, 13 novembre 2019, presso il Ministero della Giustizia, il nucleo centrale di monitoraggio sull’equo compenso. Tra le esigenze emerse vi sono la correzione della normativa e l’analisi dettagliata di tutte le segnalazioni finora pervenute da avvocati e ordini.