Professione forense

Il Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria riordina gli indirizzi PEC attivi

Redazione
email

Con la circolare del 2 ottobre 2020, il Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria ha provveduto a riordinare gli indirizzi di Posta Elettronica Certificata inerenti alle articolazioni centrali del DAP, precisando quelle che rimarranno operative.
Tale esigenza di razionalizzazione proviene dalle articolazioni interessate, le quali hanno provveduto a formulare esplicita richiesta al DAP a seguito di un processo di analisi e razionalizzazione, d’accordo con la Direzione Generale dei Sistemi Informativi automatizzati competente.

Nello specifico, rimarranno operativi i seguenti indirizzi PEC:
- ricercaristretti@giustiziacert.it;
- arruolamenti.poliziapenitenziaria.dap@giustiziacert.it;
- serviziostradale.dap@giustiziacert.it;
- videoconferenze.dap@giustiziacert.it;
- servizioreclami.dgdetenutietrattamento.dap@giustiziacert.it.

Inoltre, la circolare precisa che fino al 15 ottobre 2020 saranno attivi anche gli indirizzi PEC:
- pensioni.ordpp.dap@giustiziacert.it;
- mv.roma@giustiziacert.it.

Infine, il Capo del DAP conferma la chiusura di tali indirizzi PEC:
- posizioneprevidenziale.cm.dap@giustiziacert.it;
- settoresanitariopp.dap@giustiziacert.it;
- concorsi.compartoministeri.dap@giustiziacert.it;
- ucst.dap@giustiziacert.itt;
- disciplinapolizia.dap@giustiziacert.it;
- ufficio2.dgdetenutietrattamento.dap@giustiziacert.it;
- sidet.dap@giustiziacert.it

News Correlate

News
Professione forense

Decreto Ristori: quali sono le novità per il settore giustizia?

Redazione

Il decreto Ristori, pubblicato in G.U. n. 269 del 28 ottobre 2020, ha previsto nuove importanti misure per il settore giustizia e, in particolare, per lo svolgimento da remoto delle udienze, sia in ambito civile che penale.

News
Professione forense

Esame Avvocato 2020: chiarimenti sul versamento del contributo

Redazione

Con un avviso del 28 ottobre 2020, il Ministero della Giustizia fornisce chiarimenti in merito al versamento del contributo spese di €50,00 di cui all’art. 4, comma 2, lett. b), del bando per l’esame di abilitazione all’esercizio della professione forense.