Giurisprudenza

La Consulta fa cadere il divieto assoluto di scambio di oggetti tra detenuti in 41-bis

Redazione

La Corte Costituzionale, con sentenza n. 97/20 depositata oggi, ha dichiarato l’incostituzionalità del divieto legislativo di scambiare oggetti tra detenuti sottoposti al regime dell’art. 41-bis dell’ordinamento penitenziario appartenenti allo stesso gruppo di socialità.

È risaputo che i gruppi di socialità, formati da un massimo di quattro detenuti, hanno la finalità di conciliare due esigenze potenzialmente contrapposte, ossia quella di evitare che i detenuti più pericolosi possano mantenere i collegamenti con i membri dell’organizzazione criminale cui appartengono e quella di garantire agli stessi occasioni minimali di socialità.
A tal proposito, la Consulta ha rilevato che se il divieto di comunicare e scambiare oggetti tra detenuti assegnati a gruppi di socialità diversi è comprensibile, è tuttavia irragionevole estendere indiscriminatamente il divieto anche ai componenti del medesimo gruppo. Infatti, aggiunge la Corte, i detenuti appartenenti allo stesso gruppo di socialità, potendo già agevolmente comunicare in svariate occasioni, non hanno necessità di ricorrere a forme nascoste o criptiche di comunicazione, come ad esempio lo scambio di oggetti.
Pertanto, non accrescendo alcuna esigenza di sicurezza pubblica e impedendo quella minima modalità di socializzazione prevista, secondo la Corte, tale divieto diviene irragionevole e inutilmente afflittivo, oltre che in contrasto con gli artt. 3 e 27, comma 3, Cost..

News Correlate

News
Professione forense

La Consulta annuncia il proseguimento dei lavori anche da remoto

Redazione

La Corte Costituzione ha adottato ulteriori misure per lo svolgimento dei giudizi durante l’emergenza epidemiologica da COVID-19. Tra queste vi è la possibilità di procedere alla deliberazione delle questioni fissate nelle camere di consiglio in collegamento da remoto.

News
Professione forense

La Corte Costituzionale si apre alla società civile

Redazione

La Consulta ha approvato nuove disposizioni che prevedono la possibilità per formazioni sociali senza scopo di lucro, portatori di interessi collettivi o diffusi, di presentare opinioni che forniscano elementi utili alla conoscenza e alla valutazione dei casi in discussione.