Professione forense

La Corte Costituzionale riapre le aule a giudici, avvocati e pubblico

Redazione

Con decreto della Presidente Cartabia, che fa seguito a quelli adottati durante l’emergenza epidemiologica da Covid-19 applicabili fino al 30 giugno 2020, è stato stabilito che dal 7 luglio 2020 le udienze pubbliche davanti alla Consulta verranno celebrate con la presenza fisica di giudici e avvocati e dal 1° luglio tutti gli atti del processo dovranno essere depositati secondo le modalità ordinarie. Saranno ammessi anche il pubblico e i giornalisti ma in apposite postazioni, predisposte nel rispetto delle misure precauzionali vigenti durante l’emergenza Covid-19, e nel numero massimo di 24 persone.
È tuttavia mantenuta la possibilità che i giudici partecipino alle camere di consiglio, e ad ogni altra riunione, anche mediante collegamenti da remoto.

News Correlate

News
Professione forense

La Consulta annuncia il proseguimento dei lavori anche da remoto

Redazione

La Corte Costituzione ha adottato ulteriori misure per lo svolgimento dei giudizi durante l’emergenza epidemiologica da COVID-19. Tra queste vi è la possibilità di procedere alla deliberazione delle questioni fissate nelle camere di consiglio in collegamento da remoto.