Deontologia forense

L’istituto della rimessione del processo può verificarsi solo nel giudizio penale

Redazione
tribunale

Il fatto. Il ricorrente era sottoposto a due procedimenti disciplinari pendenti di fronte al CDD di Bologna quando propone istanza di rimessione del processo ai sensi dell’art. 45 c.p.p., richiesta inviata tramite PEC alla segreteria del CNF, e successivamente depositata a mani presso la stessa.
A sostegno del requisito presente nella disposizione citata, il “legittimo sospetto” sarebbe rappresentato dai rapporti ostili con i due collegi CDD appartenenti al distretto bolognese, maturati a causa dei più esposti disciplinari pendenti a suo carico e di vicende conflittuali verificatesi con gli stessi.
Dunque, il ricorrente chiede al CNF di statuire che i due collegi non hanno la serenità e l’imparzialità necessari a definire la vicenda disciplinare a suo carico, accertando i presupposti di applicazione di cui all’art. 45 c.p.p., e, quindi, di rimettere i procedimenti al CDD di Ancona, competente per tabella. In caso di “denegata competenza” del giudice adito, chiede la trasmissione degli atti alla Corte di Cassazione nei termini e modalità previste dalla legge.

Translatio iudicii. Il CNF precisa innanzitutto che il rimedio previsto dall’art. 45 c.p.p. è inapplicabile al procedimento in esame, per via di un principio affermato dalla Corte Costituzionale (C. Cost. n. 168/2006) in base al quale, a causa del carattere eccezionale che contraddistingue l’istituto della rimessione del processo, questo è previsto soltanto per il processo penale, il quale, per sua natura, è idoneo a suscitare emozioni e perturbamenti.

Deposito del ricorso. Il ricorso è dichiarato inammissibile, poiché è pervenuto direttamente al CNF, in violazione dell’art. 59, R.D. n. 37/1934, in combinato disposto con l’art. 33, comma 3, del Reg. CNF n. 2/2014, il quale prevede il deposito dello stesso presso il COA al quale è iscritto l’avvocato sottoposto al giudizio disciplinare ovvero la segreteria del CDD che ha emesso la decisione impugnata, a pena di inammissibilità.

News Correlate

News
Professione forense

COA di Napoli: stop al deposito cartaceo degli atti

Redazione

Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli divulga una comunicazione con la quale il Presidente del Tribunale revoca il proprio precedente Decreto (n. 124/2019) con cui autorizzava i difensori al deposito cartaceo degli atti.