Giurisprudenza

Spazzacorrotti: la Consulta dichiara illegittima l’applicazione retroattiva

Redazione

Secondo la Consulta, «l’applicazione retroattiva di una disciplina che comporta una radicale trasformazione della natura della pena e della sua incidenza sulla libertà personale, rispetto a quella prevista al momento del reato, è incompatibile con il principio di legalità delle pene, sancito dall’articolo 25, secondo comma, della Costituzione».
Così il comunicato stampa di ieri, 12 febbraio 2020, con cui la Corte Costituzionale ha fatto sapere, in attesa del deposito della sentenza, che è stata dichiarata illegittima l’interpretazione giurisprudenziale che applica retroattivamente le modifiche peggiorative della disciplina sulle misure alternative alla detenzione, sulla liberazione condizionale e sul divieto di sospensione dell’ordine di carcerazione successivo alla sentenza di condanna di cui alla l. n. 3/2019.

News Correlate

News
Professione forense

Notifiche a mezzo posta: operativi da oggi i nuovi modelli di Poste Italiane

Redazione

Sono “in pensione” da ieri i vecchi modelli di buste e di moduli per la notificazione degli atti a mezzo posta. I nuovi modelli sono stati diffusi da Poste Italiane alla fine di agosto e, a partire da oggi, dovranno essere utilizzati in via esclusiva.