Legislazione

Un’app per prenotare l’accesso alla Cancelleria Centrale civile della Cassazione

Redazione
app

Nell’ambito delle misure organizzative adottate dal Primo Presidente della Suprema Corte lo scorso 7 maggio 2020 (v. Corte di Cassazione: ecco le misure per l’accesso ai servizi nella fase 2), a partire da domani 12 maggio 2020 e in attesa dell’avvio del processo telematico civile in attuazione del comma 11-bis dell’art. 83 d.l. n. 18/2020, introdotto in sede di conversione, «per il deposito dei ricorsi e dei controricorsi presso la Cancelleria Centrale civile è attivato il servizio telematico di prenotazione on line first business (qurami) che permette all’utenza di prenotare, attraverso una piattaforma disponibile via app e via web il giorno e l’orario per accedere alla Cancelleria Centrale civile».

A partire da domani, quindi, gli avvocati potranno prendere appuntamento per il deposito degli atti presso la Cancelleria Centrale civile dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 13 attraverso l’app Ufirst, scaricabile su smartphone o tablet. Precisa inoltre la Corte che non sarà più operativo l’attuale sistema di ritiro ticket presso il totem posizionato all’ingresso del Palazzo di giustizia. Al fine di limitare il rischio di assembramenti, l’accesso sarà limitato quanto a numero di ingresso e sarà garantita la priorità per chi deve depositare atti urgenti, cioè in scadenza nello stesso giorno o in quello successivo. Resta fermo che possono accedere agli uffici della Corte solo coloro che siano muniti della relativa prenotazione.

 

Clicca qui per consultare la sezione dedicata al decreto Coronavirus

News Correlate

News
Professione forense

PCT in Cassazione: il 26 ottobre partirà la fase di sperimentazione

Redazione

È stato firmato ieri, 15 ottobre 2020, il protocollo che fissa per il 26 ottobre 2020 l’avvio della fase ufficiale di sperimentazione del processo civile telematico in Cassazione, tramite la possibilità di deposito telematico degli atti di parte.

News
Giurisprudenza

Nulla la procura alle liti sottoscritta con crocesegno

Redazione

Inammissibile il ricorso proposto da un cittadino del Ghana che, in quanto analfabeta, aveva sottoscritto la procura al difensore con crocesegno senza provvedere a sanare il vizio nel termine fissato a tal fine dal Giudice.