Professione forense

Aggiornati gli importi per il risarcimento del danno biologico

Redazione
Risarcimento

Sulla G.U. n. 29 del 4 febbraio 2019 è stato pubblicato il decreto 9 gennaio 2019 che contiene l’aggiornamento annuale degli importi per il risarcimento del danno biologico per lesioni di lieve entità, derivanti da sinistri conseguenti alla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti.
Il Ministro dello Sviluppo Economico, visto l’indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, relativo al mese di aprile 2018, pubblicato in G.U. n. 145/2018 e ritenuto di dover adeguare gli importi di cui al d.m. 17 luglio 2017 applicando una maggiorazione dello 0,4% (pari alla variazione percentuale del predetto indice ISTAT), decreta, con unico articolo che a decorrere dal mese di aprile 2018, gli importi indicati dall’art. 139, comma 1, cod. ass., (già rideterminati con d.m. 17 luglio 2017) debbano essere così aggiornati;
- ottocentosette euro e zerouno centesimi, per quanto riguarda l’importo relativo al primo punto di invalidità ex lett. a);
- quarantasette euro e zerosette centesimi, per quanto concerne l’importo relativo ad ogni giorno di inabilità assoluta, ex lett. b).
In allegato il testo del decreto.

News Correlate

News
Responsabilità

Inciampa e cade sul pavè: nessun risarcimento danni

Redazione

Accertato il carattere colposo della condotta tenuta dal danneggiato e l'imprevedibilità/inevitabilità di tale condotta da parte del custode, si assiste ad un'interruzione del nesso causale tra cosa in custodia ed evento dannoso.

News
Responsabilità

La Tabella Unica Nazionale ex art. 138 Codice Assicurazione: analisi critica e schede di raffronto con la Tabella milanese e la Tabella romana (prima parte)

Redazione

Lo scorso 13 gennaio il Ministero dello Sviluppo Economico ha avviato la pubblica consultazione sullo schema di DPR che dovrebbe conferire certezza e uniformità ai risarcimenti dei danni non patrimoniali derivanti da lesioni gravi da circolazione stradale (e nautica) o da responsabilità sanitaria