Lotta al greenwashing: una nuova direttiva europea

91
29/11

Il 10 novembre 2022 il Parlamento europeo ha adottato, la Corporate Sustainability Reporting Directive, la Direttiva con le nuove regole per la rendicontazione della sostenibilità delle imprese.

Ieri, 28 novembre, è arrivata l’approvazione del Consiglio dell’Unione europea. La Direttiva entrerà in vigore 20 giorni dopo la pubblicazione e le disposizioni verranno applicate tra il 2024 e il 2028. 

L’obiettivo della direttiva è aumentare la trasparenza delle aziende in merito al loro impatto ambientale, rispetto dei diritti umani ed etica del lavoro; si vuole, infatti, ridurre sempre di più il greenwashing – tema che abbiamo trattato in questa intervista - e garantire standard minimi. 

L’applicazione della direttiva sarà graduale. Le norme inizieranno ad essere applicate: 

  • Dal 1° gennaio 2024 alle grandi imprese di interesse pubblico con più di 500 dipendenti già soggette alla direttiva sulla dichiarazione non finanziaria e la scadenza per la pubblicazione dei dati è prevista 2025;
  • Dal 1° gennaio 2025 alle grandi imprese non ancora soggette alla direttiva sulla dichiarazione non finanziaria con più di 250 dipendenti e/o 40 milioni di euro di fatturato e/o 20 milioni di euro di attività totali e la scadenza per la pubblicazione dei dati è fissata nel 2026;
  • dal 1° gennaio 2026 anche alle PMI – che possono scegliere di non partecipare fino al 2028 - e alle altre imprese quotate, con scadenza nel 2027. 

Quale sarà l’impatto di questa direttiva? Ritieni che siano comunque necessarie ulteriori misure? Diccelo nei commenti!

0 Commenti
Avatar - Avvocati.it
Visualizza altri commenti
Contenuti correlati