Contributo integrativo minimo 2023: i Ministeri impongono la riscossione

890
02/03/23

Cassa Forense ha comunicato sul proprio sito che i Ministeri Vigilanti hanno negato l’approvazione della delibera adottata dal Comitato dei Delegati in data 16 settembre 2022, concernente l’estensione al 2023 dell’esonero dal pagamento del contributo integrativo minimo, già sospeso nel periodo 2018/2022. 

Dunque, l’Ente dovrà porre in riscossione, con la rata del 30 settembre 2023, anche tale contributo, nella misura rivalutata di € 770,00.

Cassa Forense definisce il provvedimento “assolutamente inaspettato, tenuto conto che la delibera del Comitato era funzionale all’entrata in vigore, dal 2024, della riforma strutturale della Previdenza forense, già all’esame degli stessi Ministeri”.

Nella comunicazione di Cassa Forense si legge anche che “il costo contenuto dell’esonero, stimato in circa 25 milioni di euro, è assolutamente compatibile con gli equilibri finanziari di lungo periodo dell’Ente, mentre il richiamo agli effetti negativi sui saldi di finanza pubblica, contenuto nella nota Ministeriale, appare del tutto inconferente, stante il fatto che gli stessi Vigilanti avevano approvato l’analogo provvedimento per il quinquennio 2018/2022”.

Cassa Forense ritiene che il diniego ministeriale leda l’autonomia dell’Ente e sia inutilmente vessatorio nei confronti degli iscritti ed appare fondato su motivazioni non condivisibili.

Cosa ne pensate? Ditecelo nei commenti!

0 Commenti

Avatar - Avvocati.it
Visualizza altri commenti
Contenuti correlati