Nuove assunzioni nella Pubblica Amministrazione

619
16/06/23

È in arrivo un nuovo decreto che interessa la pubblica amministrazione: il governo italiano ha annunciato una carica di assunzioni nei ministeri per rafforzare gli organici e far fronte agli impegni derivanti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr).

Previsti anche importanti cambiamenti nel panorama istituzionale, tra cui la soppressione dell’Anpal (Agenzia nazionale politiche attive del lavoro), l’allocazione di risorse per il Giubileo 2025 e interventi nel settore dello sport.

La bozza del provvedimento, composta da 33 articoli suddivisi in due parti (21 articoli dedicati alla pubblica amministrazione e il resto allo sport), prevede diverse assunzioni in vari ministeri.

È prevista l’assunzione di 100 unità di personale non dirigenziale a tempo indeterminato attraverso concorso pubblico. Inoltre, per gli uffici di diretta collaborazione del ministro potrà essere reclutato nuovo personale, anche esterno alla pubblica amministrazione.

Il Ministero della Giustizia potrà bandire concorsi pubblici nel biennio 2023-2024 per l’assunzione di 70 unità di personale dirigenziale di livello non generale a tempo indeterminato.

Nel settore dell’Istruzione, sono previste 8 nuove posizioni dirigenziali e la possibilità di reclutare 40 funzionari a tempo indeterminato tramite concorso pubblico o scorrimento delle graduatorie.

Il Ministero del Turismo aumenterà il personale degli uffici di diretta collaborazione da 60 a 80 unità.

Il Garante della privacy vedrà un incremento del tetto massimo per il personale dipendente, passando da 200 a 287 unità.

Il Ministero della Salute riceverà nuove risorse per il trattamento accessorio del personale non dirigenziale, mentre l’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) potrà assumere 33 figure tecniche o amministrative a tempo determinato.

Il decreto prevede anche la possibilità per tutte le amministrazioni pubbliche di assumere lavoratori socialmente utili a tempo indeterminato, previa prova selettiva, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.

Gli obiettivi che si cercano di raggiungere anche grazie tali novità sono il potenziamento del funzionamento delle amministrazioni e un migliore servizio per i cittadini, rispondendo agli obiettivi strategici del Pnrr e alle esigenze del paese.

0 Commenti

Avatar - Avvocati.it
Visualizza altri commenti
Contenuti correlati