CIVILE

Il Decreto Trasparenza e Decreto per garantire l'equilibrio tra attività professionale e vita familiare


52

02/08

Nella Gazzetta Ufficiale n. 176 del 29 luglio 2022, sono stati pubblicati due importanti decreti in materia di diritto del lavoro.

Il primo è il decreto legislativo 27 giugno 2022, n. 104 relativo a condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili nell’Unione europea (cd. Decreto trasparenza). 

È entrato in vigore il 1° agosto per chi ha già un contratto in corso e il 13 agosto per le nuove assunzioni.

Il decreto modifica alcune regole riguardanti:

  • Le informazioni relative al rapporto di lavoro che il datore di lavoro deve fornire al lavoratore;
  • La durata massima del periodo di prova, che non può essere superiore a sei mesi, salva la durata inferiore prevista dalle disposizioni dei contratti collettivi, e nei rapporti di lavoro a tempo determinato è stabilito in misura proporzionale alla durata del contratto e alle mansioni da svolgere in relazione alla natura dell'impiego.
  • Il cumulo di impieghi;
  • La prevedibilità minima del lavoro;
  • La transizione a forme di lavoro più prevedibili, sicure e stabili;
  • La formazione obbligatoria.

È stato inoltre pubblicato il decreto legislativo 30 giugno 2022, n. 105 (Attuazione della direttiva UE 2019/1158 relativa all'equilibrio tra attività professionale e vita familiare per i genitori e i prestatori di assistenza) che introduce nuove tutele in materia di congedo di paternità obbligatorio. 

Il decreto n. 105/22 modifica alcune disposizioni contenute nel decreto legislativo 151/2001 e introduce nuove regole per il diritto all'indennità di maternità in favore delle lavoratrici autonome e delle libere professioniste, anche per gli eventuali periodi di astensione anticipata per gravidanza a rischio.

Viene inoltre incrementata di un mese la durata complessiva del diritto al congedo parentale spettante al genitore solo.

Infine, è stata prevista la priorità di accesso allo smart working per le lavoratrici e i lavoratori con figli di età inferiore a 12 anni.

 

Cosa pensate di questi due decreti? Possono segnare un punto di svolta in materia  di diritto del lavoro? 

In allegato trovate i testi dei due decreti. 

0 Commenti
Visualizza altri commenti
Contenuti correlati