Vietato affittare una casa solo per una notte? Proposto un nuovo Decreto Turismo

593
13/06/23

Il nuovo decreto Turismo vieterebbe di dormire fuori casa per una sola notte, se non in hotel. 

Il divieto sembrerebbe essere imposto nei centri storici e nelle città metropolitane, dove - se venisse approvato il disegno di legge - si potrà pernottare per una notte esclusivamente negli hotel (il divieto non è imposto per chi ha più di tre figli a carico). A questo, si aggiunge la modifica del Codice identificativo regionale in favore di uno unico nazionale.

Sebbene la proposta sia solo a una fase embrionale, non si fanno attendere le polemiche.  Prima tra tutte quella secondo cui la proposta di leggere sarebbe incostituzionale: a essere violato sarebbe il diritto di proprietà, garantito dal nostro Testo Costituzionale ex articolo 42. 

Tra i maggiori interessati dalla possibile novità ovviamente i locatori e piattaforme come Booking o AirBnB. 

Non è la prima volta che si sentono notizie del genere: AirBnb Usa ha recentemente fatto causa alla città di New York per un provvedimento simile al disegno di legge proposto da Santanchè e che dovrebbe entrare in vigore a luglio 2023. La Grande Mela ha imposto leggi che obbligano gli host a registrarsi presso la città e che bloccano gli affitti di meno trenta giorni se i proprietari non sono presenti nell'abitazione.

Per ora, AirBnB Italia non ha annunciato la volontà di intraprendere azioni legali, soprattutto vista la fase iniziale della proposta di legge. 

Cosa ne pensi di questo nuovo decreto Turismo?

Facci sapere il tuo pensiero nei commenti!

0 Commenti

Avatar - Avvocati.it
Visualizza altri commenti
Contenuti correlati